condividi:

Misura Bonus Famiglia anno 2019

notizia pubblicata in data : venerdì 11 gennaio 2019

 

Regione Lombardia con DGR n. XI/859 del 26.11.2018 ha confermato per il periodo 1 gennaio 2019 – 30 giugno 2019 il sostegno economico per le famiglie in condizione di vulnerabilità, già attuato nei precedenti anni, attraverso la misura “Bonus Famiglia”, con attenzione specifica alla gravidanza e al percorso nascita, definendo i criteri di accesso e le modalità operative.

Le ulteriori risorse assegnate per l’anno in corso ammontano a € 5.406.158,00, ripartite tra le ATS della Regione Lombardia sulla base dei seguenti criteri:

·         numero di donne residenti di età compresa tra i 15 e 49 anni risultante dall’ultimo dato disponibile ISTAT disponibile;

·         numero di nascite risultante dall’ultimo dato disponibile ISTAT disponibile.

 

Destinatari

Famiglie con presenza di donne in gravidanza, o famiglie adottive, in condizione di vulnerabilità come definita nel provvedimento di approvazione dell’Avviso Pubblico per la partecipazione all’iniziativa Bonus Famiglia istituita con d.g.r. n. 859/2019.

 

Requisiti d’accesso alla domanda

·         residenza continuativa in Regione Lombardia per entrambi i genitori da almeno cinque anni, o del solo genitore se la famiglia è monogenitoriale;

·         indicatore ISEE ordinario o ISEE corrente, in corso di validità, uguale o inferiore  a € 22.000,00;

·         una situazione di vulnerabilità certificata dal Servizio Sociale Comunale / Ambito di residenza o dal Consultorio o dal Centro di Aiuto alla Vita (CAV);

·         stato di gravidanza in base a documento rilasciato da figura sanitaria competente in materia di ostetricia e ginecologia, che opera in strutture pubbliche, o in strutture private, con l’indicazione della data presunta del parto, oppure sentenza di adozione del minore o decreto di collocamento del minore in famiglia con data non antecedente al 1° gennaio 2019;

·         non essere titolare di altre agevolazioni a valere su analoghe iniziative attivate a livello comunale o nazionale a sostegno della natalità, pertanto è escluso che, in relazione alla stessa gravidanza, possano essere - in qualunque momento, anche disgiuntamente -  chiesti sia il Bonus Famiglia attivato da Regione Lombardia che il “Bonus Bebè” istituito a livello nazionale. Può invece coesistere, in capo alla stessa persona e per la stessa gravidanza, sia l’accesso all’agevolazione Bonus Famiglia regionale, pari a €1.500,00 che quello alla misura “Bonus Mamma Domani” di € 800,00.

 

Contributi economici erogabili

In caso di gravidanza: contributo massimo di € 1.500,000 erogato in due tranche di pari importo:

·         la prima entro 60 giorni dalla validazione della domanda, o entro 30 giorni dalla sottoscrizione del progetto personalizzato;

·         la seconda entro 30 giorni dalla presentazione del certificato di nascita o della tessera sanitaria del neonato.

In caso di adozione: contributo massimo di 1.500,00 in un’unica rata, entro 60 giorni dalla validazione della domanda.

In caso di gravidanze/adozioni gemellari, il genitore riceve il contributo moltiplicato per il numero di figli.

Contributo a fondo perduto a sostegno della famiglia. Procedura valutativa a sportello fino ad esaurimento delle risorse.

 

Modalità di presentazione della domanda

La domanda è presentata dal cittadino esclusivamente on line sulla piattaforma informativa Bandi online all’indirizzo: www.bandi.servizirl.it a partire dalle ore 10.00 del 16 gennaio 2019 sino al 30 giugno 2019.

Le domande possono essere presentate previa registrazione / autenticazione in Bandi online, esclusivamente attraverso:

r  SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale: è un codice personale che consente di accedere da qualsiasi dispositivo e di essere riconosciuto da tutti i portali della Pubblica Amministrazione. Per richiedere ed ottenere il codice SPID: https://www.spid.gov.it/richiedi-spid

oppure:

r  CNS – Carta Nazionale dei Servizi/CRS – Carta Regionale dei Servizi.

 

La domanda deve essere presentata da parte della madre o del padre del nascituro/figlio adottato.

Nel caso in cui la richiedente sia minorenne, la domanda deve essere sottoscritta da coloro che esercitano la responsabilità genitoriale, tutore.

Il genitore che presenta la domanda on line del Bonus Famiglia 2019 può non essere il genitore cui è stata rilasciata la scheda attestante le condizioni di vulnerabilità; entrambi devono comunque appartenere allo stesso nucleo familiare di cui alla residenza anagrafica e quindi all’ISEE di riferimento.

Al richiedente che presenta domanda dopo la nascita del neonato non è riconosciuto il contributo, fatto salvo il caso della nascita intercorrente tra il 1° gennaio 2019 e la data di apertura del sistema Bandi online per l’inserimento della domanda di contributo. In questo caso il richiedente deve comunque allegare la documentazione richiesta per lo stato di gravidanza.

Le famiglie adottive devono essere in possesso della sentenza di adozione del minore o, in alternativa, del decreto di collocamento del minore in famiglia con data non antecedente al 01 gennaio 2019.

 

Non sono ammissibili le domande che pervengono prive dei requisiti e/o con documentazione difforme o non completa.

Solo uno dei genitori può ricevere il contributo. Il sistema informatico attua il controllo sui codici fiscali di entrambi i genitori e del tutore. Il sistema attua il controllo sul codice fiscale del neonato, una volta che questo è inserito nel sistema.

 

Validazione della domanda e liquidazione delle risorse

L’ATS è competente alla validazione ed istruttoria delle domande tramite la verifica dei requisiti previsti e della completezza dei documenti allegati a corredo della domanda. L’ATS è altresì competente alla liquidazione delle risorse.

A conferma del corretto inserimento della domanda la/il richiedente riceverà una mail con l’indicazione dei riferimenti utili per tracciare la propria domanda ed il soggetto competente alla fase dell’istruttoria.

La mail inviata al richiedente riporterà l’ATS competente ed i riferimenti cui eventualmente rivolgersi.

All’atto dell’invio telematico della domanda dall’ATS al Consultorio, il richiedente riceverà una comunicazione via mail con l’invito a prendere prontamente contatto con il Consultorio scelto nella domanda on line, al fine della redazione e sottoscrizione del progetto personalizzato.

Tale progetto redatto dal personale del Consultorio, con la condivisione degli Ambiti/Comuni e/o dei CAV (Centro di Aiuto alla Vita), dovrà essere sottoscritto dalle parti non oltre il 30° giorno dalla presa in carico da parte del Consultorio.


Per informazioni sulla misura e sul caricamento della domanda on line:

Tutte le informazioni sono contenute all’interno dell’Avviso Pubblico per la partecipazione all’iniziativa Bonus Famiglia, parte integrante e sostanziale del D.d.u.o. n.19392 del 21.12.2018 e pubblicate nel portale di Regione Lombardia all’indirizzo: www.bandi.regione.lombardia.it nella sezione relativa al Bando.

Per richieste di assistenza alla compilazione on-line e per quesiti di ordine tecnico sulle procedure informatizzate è possibile contattare il Call Center di Lombardia Informatica al numero verde 800.131.151 operativo da lunedì al sabato, escluso i festivi:

- dalle ore 8.00 alle ore 20.00 per i quesiti di ordine tecnico

- dalle ore 8.30 alle ore 17.00 per richieste di assistenza tecnica


Ultimo aggiornamento:  22/01/2019
Questo sito internet è valido HTML 5.0, clicca per accedere al validatore html, il sito verrà aperto in una nuova finestra Questo sito internet è valido CSS 3, clicca per accedere al validatore css, il sito verrà aperto in una nuova finestra sito internet validato wcag wai a Questo sito internet è multibrowser credit common scegli la modalità Visualizza il testo con caratteri normali   Visualizza il testo con caratteri grandi   Visualizza il testo con contrasto elevato   Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica Copyright © 2015. All rights reserved Progetti di Impresa Srl
TORNA SU