condividi:

Campagna famiglie fragili

notizia pubblicata in data : mercoledì 24 gennaio 2018

Campagna famiglie fragili

Interventi a sostegno della famiglia e dei suoi componenti fragili


Regione Lombardia prevede interventi a sostegno della famiglia e dei suoi componenti fragili, caratterizzati da elevata flessibilità sia temporale sia nella erogazione, intensità e tipologia delle prestazioni (delibera 7769 del 17 gennaio 2018) a tal fine l’Agenzia di Tutela della Salute (ATS) collabora con tutti gli attori del territorio, in particolare con le Aziende Sociosanitarie Territoriali (ASST), gli Enti Erogatori ed i Comuni.

 

Anche per l’anno 2018, con DGR n. X/7600 del 20/12/2017, Regione Lombardia ha dato indicazioni al prosieguo delle attività secondo quanto indicato con DGR 2942/14 e con successivo provvedimento  DGR n. 7769 del 17 gennaio 2018 ha determinato i nuovi criteri di accesso e le tipologie di intervento a sostegno delle famiglie per ciascuna delle misure previste.

 

In dettaglio, le misure sono:

 

 

  • RESIDENZIALITÀ ASSISTITA

    Destinatari: Anziani/fragili residenti in Lombardia al proprio domicilio, di età di norma pari o superiore ai 65 anni, anche con patologie croniche stabilizzate, che si trovano in condizione di difficoltà e/o isolamento e che necessitano di supervisione/care management e di prestazioni sociosanitarie in un ambiente di tipo familiare e/o socializzante.

    Nel caso una persona beneficiaria della misura necessitasse dell’attivazione di ADI (Assistenza Domiciliare Integrata), in risposta per esempio ad un problema acuto, la misura deve essere sospesa, pur potendo la persona rimanere in struttura senza incremento di retta a carico.

    PRESTAZIONI previste:

    • monitoraggio assunzione farmaci, parametri vitali, controllo peso/idratazione,controllo alvo;
    • prestazioni infermieristiche di base (terapia iniettiva, medicazioni semplici, controllo stomie, ecc.);
    • rieducazione funzionale e attività di prevenzione delle cadute, attività fisicaadattata (AFA), gruppi di cammino;
    • stimolazione per il mantenimento delle capacità cognitive e delle autonomie;
    • supervisione nelle attività di base della vita quotidiana (es: igiene, bagno in sicurezza);
    • attivazione e/o promozione della partecipazione ad attività culturali, ricreative, religiose, di socializzazione, interne e/o esterne alla struttura;
    • supporto per l’accesso presso presidi/ambulatori per effettuazione visite, accertamenti, prelievi.

 

  • RESIDENZIALITÀ MINORI DISABILI GRAVISSIMI

    Destinatari
    : Minori con gravissima disabilità non assistibili al domicilio che necessitano di assistenza continua nell’arco delle 24 ore, che ad oggi non trovano risposta nella rete consolidata dei servizi rivolti ai disabili.

    PRESTAZIONI previste: accoglienza residenziale di minori in condizioni di gravissima disabilità

  • RSA APERTA

    Destinatari: Persone con demenza certificata da Medico specialista geriatra/neurologo di struttura accreditata/equipe ex U.V.A. ora CDCD o anziani non autosufficienti di età pari o superiore a 75 anni, riconosciuti invalidi civili al 100%, che non usufruiscano di altre misure e/o interventi regionali e/o altri servizi della rete sociosanitaria, eccezion fatta per interventi di tipo ambulatoriale e per le prestazioni occasionali o continuative di soli prelievi erogati in ADI (Assistenza Domiciliare Integrata).

    PRESTAZIONI previste: Interventi qualificati di natura prioritariamente sociosanitaria, finalizzati a supportare la permanenza al domicilio delle persone, a sostenere il mantenimento il più a lungo possibile delle capacità residue delle persone beneficiarie e rallentare, ove possibile, il decadimento delle diverse funzioni, evitando e/o ritardando il ricorso al ricovero definitivo in struttura, ad offrire un sostegno al caregiver nell’espletamento delle attività di assistenza dallo stesso assicurate.





Informazioni generali

 

Per le misure di Residenzialità la famiglia deve rivolgersi al Sevizio Territoriale di Valutazione Multidimensionale (STVM) presso la ASST di residenza del proprio territorio, che provvede a:

  • effettuare la valutazione multidimensionale del bisogno della persona
  • predisporre il Progetto individuale
  • coinvolgere il Medico di Assistenza Primaria
  • monitorare e controllare costantemente gli interventi
  • consegnare alla famiglia (entro 10 giorni lavorativi e 3 giorni per i  minori con gravissima disabilità)
    • l’esito della valutazione,
    • il Progetto Individuale,
    • l’elenco degli Enti erogatori

I contributi sono previsti fino alla data del 31 dicembre 2018, salvo esaurimento fondi.

 

Per la misura di RSA Aperta la famiglia interessata alla misura deve presentare la richiesta direttamente alla RSA scelta che provvederà alla valutazione dei requisiti di accesso, alla valutazione Multimensionale, alla redazione del Progetto Individuale (PI) e del Piano di Assistenza Individualizzato (PAI) ed alla erogazione degli interventi previsti.

 

Per informazioni è possibile contattare il  Sevizio Territoriale di Valutazione Multidimensionale (STVM) presso la ASST di residenza.  


Ultimo aggiornamento:  13/03/2018
Questo sito internet è valido HTML 5.0, clicca per accedere al validatore html, il sito verrà aperto in una nuova finestra Questo sito internet è valido CSS 3, clicca per accedere al validatore css, il sito verrà aperto in una nuova finestra sito internet validato wcag wai a Questo sito internet è multibrowser credit common scegli la modalità Visualizza il testo con caratteri normali   Visualizza il testo con caratteri grandi   Visualizza il testo con contrasto elevato   Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica Copyright © 2015. All rights reserved Progetti di Impresa Srl
TORNA SU